Ferragosto 2020 è un giorno incredibile per Wuhan, focolaio della pandemia. Le immagini in arrivo della città dell’Hubei raccontano che il contagio è alle spalle. Intanto cresce l’attenzione sui vaccini, con USA e Russia che provano ad azzardare date.

L’11 agosto 2020, Vladimir Putin annuncia che la Russia ha registrato il primo vaccino contro il nuovo coronavirus.

Con un “solo” morto, il 29 agosto è il miglior giorno per l’Italia dal punto di vista dei deceduti, dall’inizio della pandemia.

Il 24 settembre 2020 la pandemia ritorna a essere famelica in alcuni paesi d’Europa. E’ soprattutto la Francia a soffrire l’ondata dei nuovi contagi, che hanno superato le 10mila unità in un giorno.

A ottobre 2020 l’Italia entra in piena seconda ondata. I contagi tornano a crescere in modo preoccupante, e la pressione sugli ospedali torna a farsi sentire. Il 31 ottobre vengono registrati 31.756 contagi.

A novembre 2020 arrivano, a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro, due annunci molto importanti sul fronte del vaccino. L’efficacia di questi prodotti da Pfizer e Moderna lascia intravedere buone speranze.

Il 16 novembre 2020 dopo quello di Pfizer, arriva l’annuncio di un altro vaccino anti-covid stavolta da parte di Moderna: l’azienda biotecnologica americana ha reso noti i dati di fase 3 di sperimentazioni sull’uomo; dal quale risulta un’efficacia che sfiora il 95% .

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vaccini.jpg

Dicembre 2020 diventa il mese della speranza.

L’8 dicembre 2020 è il giorno della somministrazione di un vaccino contro il coronavirus. Una data storica. La prima dose viene iniettata a una cittadina 90enne, originaria di Enniskillen, Irlanda del nord, ospite di una casa di riposo. Viene vaccinata alle 6.31 all’University hospital di Coventry, nel centro dell’Inghilterra. Proprio l’Inghilterra è il primo paese al Mondo a dare il via a una campagna di vaccinazione. Il vaccino è quello prodotto da Pfizer BioNTEch.

Il 20 dicembre 2020 torna il panico in Europa dopo la notizia di una nuova variante del virus sviluppatasi in Gran Bretagna. Molti Paesi decidono di chiudere i voli con il Regno Unito.

Il 21 dicembre, l’EMA approva la somministrazione del vaccino Pfizer-BioNTech all’interno dei Paesi dell’Unione Europea. Il D-day simbolico, nel quale verranno iniettate le prime dosi, era stato fissato per il 27 dicembre. A gennaio 2021 sarebbe dovuto iniziare la campagna di vaccinazione vera e propria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *