La pandemia causata dal Covid-19 nei primi mesi del 2020 ha stravolto i modelli di vita delle persone sottoponendole a dei forti cambiamenti, nel settore economico e lavorativo, a causa delle conseguenze del lockdown e delle misure di contenimento della diffusione della malattia.

L’Italia e’ una delle nazioni più colpite in Europa e nel mondo, infatti i contagiati accertati sono circa 238.159 accertati e circa 34.514 morti, ha dovuto affrontare una crisi sanitaria con gravi carenze di professionisti sanitari e materiali di approvvigionamento dei dispositivi di protezione, applicando dei modelli organizzativi nuovi e trasformando rapidamente le strutture ospedaliere.

Il numero dei contagiati dal 28 aprile ha subito un continuo incremento, tanto da arrivare al 22 Giugno con un totale di 29.282 operatori sanitari positivi, e di questi 14.000 sono infermieri.

Il Sistema Sanitario Nazionale italiano era già in profonda crisi prima dell’emergenza pandemica da COVID-19 sopprattutto per la carenza di organici da dedicare all’assistenza, è stato sottoposto ad una prova di forza che ha superato grazie alla volontà, alla professionalità e al lavoro delle risorse umane che lo compongono.

I professionisti sanitari, infermieri, medici, personale socio-sanitario, per settimane sono stati al centro dell’opinione pubblica, a tratti anche elevati ad “eroi” in quanto in prima linea sul fronte dell’emergenza sanitaria che ha travolto il paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *