Durante questi periodi di pandemia di Coronavirus, i musei italiani nel far fronte alla chiusure imposte per combattere questo virus hanno organizzato eventi online. L’importanza dell’arte è anche sancita dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani all’Art. 27 per cui:


ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla
vita culturale della comunità, di godere delle arti e di
partecipare al progresso scientifico e ai suoi benefici

Questo articolo sottolinea quanto importante sia l’arte, insieme alla scienza, per gli uomini e per la vita. Per questo molti musei italiani si sono mossi con iniziative per rendere l’arte a portata di tutti durante questo periodo, qua sotto troviamo riportati degli esempi:

Museo degli Uffizi

Gli Uffizi chiudono per l’emergenza Covid ma riaprono via social, il principale museo statale d’Italia lancia un progetto “virtuale” insolito: tour guidati in diretta su Facebook, con ciceroni speciali, che tra un capolavoro e l’altro possono anche rispondere alle domande poste in tempo reale dal pubblico che segue la diretta. Il collegamento in streaming avviene dal cuore più antico della Galleria fiorentina, la Tribuna del Buontalenti, e prosegue in tutte le favolose sale della galleria che ospita alcuni dei capolavori più importanti del mondo.

Pinacoteca di Brera

Di fronte a questo periodo di chiusura forzata, il direttore della Pinacoteca di BreraJames Bradburne, ha deciso di intraprendere una serie di iniziative con lo scopo di “rimettere Brera nel cuore della sua città”. Il direttore ha disposto che i suoi dipendenti raccontino le opere d’arte presenti all’interno del museo tramite i social;

«Siamo chiusi, ma questo non vuol dire che il cuore ha smesso di battere – ha detto Bradburnein un intervista a Radio 101 – un museo non è soltanto i suoi oggetti fissi, non dobbiamo solo venirci, possiamo offrire il museo». . «Siamo qui – prosegue – per la città, per ogni cittadino, come luogo di ispirazione e consolazione, per aiutare a resistere a tutti i guai che affrontiamo adesso»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *